Use your widget sidebars in the admin Design tab to change this little blurb here. Add the text widget to the Blurb Sidebar!

[U.S.A.] Dalle galere per migranti

Posted: Maggio 9th, 2020 | Author: | Filed under: Aggiornamenti, General | Commenti disabilitati su [U.S.A.] Dalle galere per migranti
Le traduzioni che seguono provengono principalmente dai social, abbiamo scelto di non linkarli!
 
[Georgia] Proteste nel centro di detenzione
9 e il 20 aprile
I detenuti immigrati hanno protestato contro la mancanza di precauzioni in materia di coronavirus – e le guardie carcerarie private di tipo SWAT li hanno spruzzati con il pepe.
Molti stavano male. La tensione cresceva all’interno di Stewart, una delle più grandi carceri per l’immigrazione del Paese, con una capienza di quasi 2.000 detenuti maschi.
I solidali affermano che gli incidenti fanno parte di due problemi più grandi che si verificano contemporaneamente: la minaccia del coronavirus per i detenuti in alloggi angusti e la frequente violenza delle azioni disciplinari nelle strutture di detenzione per immigrati.
(..)
Lo Stewart Detention Center è un carcere per immigrati continuamente sotto esame per i presunti maltrattamenti subiti dai reclusi.
(….)
“La gente chiedeva assistenza medica per alcuni dei malati lì dentro”, ha detto Daniel. “Ma siccome loro” – il personale – “non hanno prestato attenzione, hanno iniziato a protestare. Hanno messo lenzuola alle finestre e alle porte”.
Daniel ha detto che il personale penitenziario ha rilasciato il gas, gettando i detenuti a terra e portandoli in manette in isolamento, o come lo chiamava lui, “il buco”.

Durante un periodo di due settimane in mezzo alla pandemia di Covid-19, gli ufficiali del SORT a Stewart hanno usato la forza sui detenuti immigrati due volte, il 9 aprile e di nuovo il 20 aprile.
(…)
Stewart si trova nel sud-ovest della Georgia, in una zona rurale con un’economia depressa e uno dei punti caldi dello stato per il coronavirus. Per alcuni residenti della zona, Stewart è un’ancora di salvezza. Diventare una guardia è un lavoro fisso in una regione dove la disoccupazione era alta anche prima della crisi del coronavirus. 
Né le guardie di Stewart né i detenuti sono stati risparmiati dal coronavirus. Il primo membro del personale CoreCivic di Stewart è risultato positivo al Covid-19 il 31 marzo; in un mese, il numero di personale CoreCivic infetto è salito a 44, secondo una recente denuncia in tribunale. L’ICE dice che ci sono 12 detenuti di Stewart che attualmente hanno confermato di avere il Covid-19.
Nel mese di aprile, ci sono state cinque chiamate di emergenza al 911 dalla struttura. Sebbene non sia confermato se le chiamate fossero correlate al coronavirus, quattro di queste chiamate erano per problemi respiratori, un sintomo comune di Covid-19.
Con il progressivo aumento dei casi e circa 1.900 persone rinchiuse a Stewart, le tensioni nella struttura avevano cominciato a crescere, ha detto Pedro Ramirez-Briceño, che è stato rilasciato all’inizio di aprile. (…)
Dopo aver sentito che il coronavirus si è diffuso in altre strutture di detenzione per immigrati, lui e altri detenuti hanno partecipato a uno sciopero della fame e del lavoro all’inizio di marzo, chiedendo condizioni migliori e maggiori risorse per prevenire la diffusione del virus. Ma l’azione dello sciopero è svanita nel tempo, ha detto Ramirez-Briceño.
Ci sono circa 30.000 persone attualmente in custodia dell’ICE (Immigration and Customs Enforcement – Immigrazione e controllo doganale) negli Stati Uniti e, dall’inizio della pandemia, anche i detenuti di altre strutture dell’ICE hanno denunciato l’uso della forza in risposta alle proteste per il coronavirus. Al 4 maggio, l’agenzia dice che 606 detenuti hanno confermato casi di Covid-19 negli Stati Uniti. I test nelle strutture sono stati scarsi e l’ICE non rilascia numeri in tempo reale, quindi il numero potrebbe essere molto più alto. 
Lo Stewart ha un passato abominevole di pratiche di isolamento: Due uomini “con malattie mentali” si sono suicidati nell’arco di 14 mesi nel 2017 e nel 2018.
Con la pandemia in atto, i familiari e gli avvocati hanno avuto difficoltà a contattare le persone in isolamento. 
La struttura funziona normalmente con il lavoro dei detenuti, ma con le unità in quarantena, il personale penitenziario è stato incaricato di preparare i pasti. Secondo Argueta, questo ha fatto sì che i detenuti fossero nutriti con pochissimo cibo in orari irregolari, scatenando la protesta del 20 aprile. I detenuti si sono rifiutati di mangiare il cibo fornito e hanno chiesto provviste migliori. Mentre la protesta continuava, gli ufficiali del SORT hanno risposto con spray al pepe e armi al pepe.
Più tardi quella sera, l’ufficiale SORT Tyriq Key ha scherzato sui social media dicendo che i detenuti erano così affamati che “mangiavano quello spray”.
Sempre dai profili social delle guardie si evince che quando la protesta per il cibo si è intensificata, i detenuti hanno iniziato a lanciare acqua del bagno e cibo alle guardie. Mentre gli agenti cercavano di porre fine alla protesta, uno è scivolato sull’acqua ed è caduto. Lo sbirro  ha poi detto che si è alzato e “è andato a sparare a qualsiasi cosa fosse sulla sua strada” con il fucile a palle di pepe – poi ha fatto il riferimento a “Call of Duty”.
Una recente denuncia presentata dal tribunale nella causa del Southern Poverty Law Center dice che un uomo in sedia a rotelle ha continuato a urinare sangue 10 giorni i pestaggi di quei giorni.
COSA SONO LE SQUADRE SORT:
Gli agenti del SORT alla Stewart sono il personale correzionale CoreCivic, che poi si cambiano in uniformi nere con spessi indumenti protettivi. Le loro uniformi tipo SWAT includono spray al pepe e pistole a pallini al pepe che penzolano dalle loro cinture. I video promozionali, prodotti quando il CoreCivic era ancora conosciuto con il suo precedente nome, Corrections Corporation of America, o CCA, mostrano ufficiali SORT addestrati all’uso di grandi scudi e manganelli.
“Il CoreCivic gestisce le sue strutture di detenzione per l’immigrazione proprio come gestisce le sue prigioni; non c’è davvero alcuna differenza. E molte carceri hanno squadre tattiche, squadre di tipo SWAT all’interno delle loro strutture”, ha detto Dolovich, il professore di diritto dell’UCLA. “In ogni prigione, quando si percepisce un’emergenza che richiede un intervento rapido, c’è un certo numero di funzionari penitenziari addestrati a partecipare a queste squadre SWAT”.
Secondo un manuale del CCA del 2008, questi tipi di unità sono stati creati dopo i disordini nelle prigioni dell’Attica del 1971, “sul modello delle squadre SWAT della polizia e delle unità di commando militari, come le Forze Speciali dei Berretti Verdi dell’Esercito e le Seal Teams della Marina”.
Prima della pandemia, l’unità SORT di Stewart era stata attivata nel 2019. L’11 settembre 2019, un gruppo di circa 60 richiedenti asilo cubani ha organizzato una protesta pacifica nel cortile di Stewart, rifiutandosi di entrare nella struttura fino a quando non hanno ricevuto notizie dall’ICE sulle loro richieste di libertà vigilata.
Alla protesta ha partecipato Reinier Rodriguez Bombino. Ha detto 
“Erano vestiti di nero, con giubbotti, ginocchiere, caschi, armi, con tutto – come se fossero preparati a tutto”, ha detto Rodriguez, “anche se eravamo sempre chiari – sempre chiari – che tutto era tranquillo e non avremmo fatto resistenza”.
Gli ufficiali del SORT hanno iniziato a lanciare gas lacrimogeni e hanno sparato proiettili di gomma o palle di pepe contro i richiedenti asilo. Rodriguez ha detto di essere stato colpito da un proiettile nella parte posteriore della coscia. Giorni dopo la protesta, è stato messo in isolamento, poi trasferito in un’altra struttura in Georgia.
 
[California] Sciopero della fame nel centro di detenzione per migranti Otay Mesa, San Diego
Decine di migranti reclusx nel centro di detenzione privato Otay Mesa, nei pressi della città di San Diego, hanno iniziato uno sciopero della fame a metà aprile a causa della crescente preoccupazione per la propria sicurezza durante la pandemia. Otay Mesa registra il più grande focolaio di virus di qualsiasi carcere per migranti negli Stati Uniti. La settimana precedente era giunta voce che le guardie avessero usato spray al peperoncino su un gruppo di donne di una delle unità del centro per essersi negate a firmare un documento con una clausola per esentare CoreCivic, la compagnia privata che amministra il centro di detenzione, dalle conseguenze legali nel caso in cui le recluse si fossero ammalate. Le recluse dovevano firmare per ricevere le mascherine. Questo è uscito da una chiamata tra un attivista del gruppo Pueblos Sin Fronteras e una donna reclusa a Otay Mesa, detenuta in questa unità.
Donna: “Ci stanno spruzzando spray al peperoncino! non ci rispettano. Siamo umane, non animali. Aiuto! Vogliono obbligarci a firmare per darci le marcherine. Ci vogliono far pagare per le magliette con cui abbiamo fatto le mascherine”.
 Il 7 maggio Carlos detenuto affetto da covid 19 trasferito in ospedale è morto.
 Lo stesso giorno la maggiorparte delle donne in sciopero della fame hanno ottenuto la liberta. Tutte tranndue due donne onduregne a cui viene negato il rilascio.
Il 9 maggio un presidio sotto le mura del centro ricorda Carlos e chiede la libertà di tuttx.
 
[California] Sciopero della fame nel centro di detenzione per migranti Adelanto S. Diego
Il centro rinchide 1300 persone di cui la maggior parte sono richiedenti asilo. Recentemente molti dei reclusi si sono uniti allo sciopero della fame.Per alcuni lo sciopero è comiciato il 23 di Aprile. Le dichiarazioni raccolte degli scioperanti parlano della crudele scelta della compagnia Geo che gestisce quel centro di non distribuire ne alle guardiie ne ai detenuti guanti e mascherine o gel antibattericoe la politica di non rispettare le distanze di sicurezza neppure nelle file per il cibo. Le richieste sono: che vengano adottate le misure minime contro la propagazione del contagio e che vengano fatte uscire le persone in crisi e con patologie pregresse.Oltre alla possibilità di essere visitati da un medico (cosa procedurale per gli scioperi della fame), che gli è stata negato. 
Raccontano che un prigioniero con la febbre è  sparito, e che tutto il reparto è stato posto in quarantena senza spiegazioni.
Le persone in sciopero della fame sono state minacciate dai responsabili di Geo di essere denunciate; sono state forzate a firmare un documento che mente sul giorno di inizio dello sciopero. Difronte alla loro resistenza si è presentato un ufficiale del ICE che ha tento di intimidirli dicendo che nessuno sarebbe stato fatto uscire e che si sarebbe ricorsi all’alimentazione forzata. Questo a sommarsi al bulling degli ufficiali del centro.
Vari degli scioperanti sono affetti da patologie pregresse.
 
[Illinois] Centro per minori migranti Chicago
1’maggio
Decine di persone hanno realizzato un protesta davanti e sul tetto di un carcere per migranti minori a Chicago per esigere la liberazione dex detenutx. Le installazioni, di proprietà del Heartland Alliance, ospitano circa 70 minori separati dai loro genitori nella frontiera tra Stati Uniti e Messico. Nei giorni precedenti era uscita la notizia che circa 37 dei minori li reclusi erano risultati positivi al virus e sono uscite delle immagini che mostrano dei ragazzi li dentro esponendo dalle finestre dei cartelli con scritto “AIUTO”.
secondo altre fonti
l 1 ° maggio un gruppo di vicini oltraggiati, abolizionisti e altri furfanti si sono riuniti per prendere d’assalto le porte e occupare un centro di detenzione per bambini gestito da Heartland Alliance nel quartiere di Rogers Park a Chicago. Il carcere minorile è attualmente in fase di ristrutturazione ed è temporaneamente non occupato. 
Un intervista alle persone che lottano contro questa gabbia a Chicago in inglese
 
[Massachusetts] Protesta nel Bristol County Jail
01.05.2020
Una protesta ha procurato più di 25,000$ di danni secondo le guardie.
Tre dei detenuti del  U.S. Immigration and Customs Enforcement nel Bristol County House of Correction sono stati trasferiti in ospedale per le botte delle guardie. In molti stavano resistendo ad un trasferimento fra aree che secondo i reclusi li avrebbe ulteriormente esposti al contagio, dato che nel centro ci sono già molti casi di positività al covid e varie persone che ne mostrano sintomi.